Telefonata

Mi ha chiamato una ragazza di un call center. Voleva vendermi un corso di informatica e per farlo mi ha raccontato e inventato metà della sua vita. Sua sorella è una studentessa di filosofia (guarda caso anche io ho studiato filosofia) che fatica sui libri, lei è laureata in infermieristica, è bionda, occhi azzurri, metà veneziana, metà siciliana (una testa tra le gondole ed il babà). Ce l’ha davvero messa tutta, ha usato ogni espediente, tutta l’accondiscendenza e la simpatia di cui era capace. Si sarebbe pure strappata il cuore per vendermi il corso. Non ho resistito, mi ha fatto pena. Le ho detto che la segreteria Continue readingTelefonata

Le difficoltà delle idee

Stamattina mi sono svegliato che erano già le undici e venti. Il mondo correva da un bel po’ di ore. Lavoro, studio, seguo dei corsi, non ho un soldo, rincorro le cose, le inseguo, ho una donna, sto invecchiando, cerco lavoro quando non ce l’ho, i libri non riesco a leggerli, la settimana scorsa è uscito l’iPad 3, l’ho saputo in ritardo. Il mondo correva ed io sinceramente non sapevo come immettermi in quel flusso di eventi che si stavano svolgendo dopo che molti altri si erano conclusi.Sono rimasto immobile per quarantacinque minuti. Avrei dovuto dormire fino al giorno dopo, svegliarmi sicuramente riposato alle sette del mattino. Per qualche minuto l’autoerotismo mi ha salvato, devo dirlo. Ma poi mi sono ritrovato al punto di prima. Continue readingLe difficoltà delle idee

Back to Top