Quattro giorni in ritardo

source  

Diario di un anno in forma poetica, narrativa, fotografica

31 luglio 20.24

source site  

Ci sono individui che vivono d’aspirazioni, tutta la loro vita è sorretta dalle aspirazioni, aspirano. Hanno così un gran da fare con queste ambizioni che la mente gli si riempie tutta la giornata: questi uomini diventano le loro bramosie come un toro diviene solo un animale che incorna. Questi umani malati di un qualche desiderio cronico rimangono impigliati nella loro condizione di essere uno che vorrebbe essere un altro. L’urgenza di rientrare in loro stessi, o meglio quello che ritengono di dover essere, quasi avessero perso il volto e lo andassero ricercando per le strade, li carica di inquietudine e di frenesia, sia intellettuale sia fisica. Alcuni non reggono. Scoppiano. Il dubbio allora si insinua, forse le aspirazioni non erano autentiche, ne arrivano altre, il gioco ricomincia. Altri crollano, non aspirano più a nulla, lasciano che la vita li trasporti, si incupiscono e la loro mente si riempie di immediatezza. Chiacchiere, oggetti, cibo, televisione consumano le loro giornate. Non vi è più per loro la possibilità di essere diversi, hanno solamente fallito, al di là del loro fallimento non vi è più alcuna possibilità, non possono essere altri, non possono più esercitare alcuna volontà. La pienezza della vita poteva essere avvertita solamente con l’orecchio della loro vecchia aspirazione, le luci fatte del magma della sera, i vicoli stupiti dalle piazze, i boschi di gente non incuriosiscono, non servono più.

Avere delle passioni è diverso. Se le possiedi non devi raggiungere nessun posto per appropriartene, non immagini che esista un destino da compiersi. Non credi che tu possa essere più vero quanto più queste si trasformano in obiettivi raggiunti. Semplicemente provi a guadarle, come si fa con un fiume, per vedere dove puoi arrivare e ti godi ogni attimo in cui i tuoi piedi ci stanno immersi dentro.  

 

see url  

 

https://alicehoabbey.com/hukum-forex-dalam-islam-jakim Immagine “River” © Calvin Fenicio. www.fenicio.altervista.org

Lascia un commento

go to link Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *